lunedì, Giugno 21, 2021

2021

ENI avvia perforazioni esplorative offshore in Montenegro

Must read

KR 606-3 di Klemm, la piccola lepre delle perforazioni

Configurazione compatta, peso leggero e nuovo leverismo. Da Klemm Bohrtechnik arriva in scena il modello KR 606-3 di perforatrice universale, creata ad hoc per...

La Tav del Nord-Est a tutto cantiere

Impossibile non accorgersi dei cantieri sterminati che corrono a fianco all’autostrada A4. La Tav Milano-Venezia c’è e si vede ed è inesorabile l'incedere dei...

PGExpo Online 2021, parte oggi la fiera virtuale delle reti di Energia e sottoservizi

Il giorno è oggi, l’8 giugno, alle ore 10. Fra poche ore apre il PGExpo Online 2021, la prima fiera virtuale di livello internazionale dedicata alle imprese coinvolte...

La soluzione “techno” di Moog per Drillmec

Leader mondiale nella fornitura di soluzioni ad alte prestazioni per il controllo del movimento, Moog vanta, tra le più recenti collaborazioni di successo, quella...

Eni, in collaborazione con la società russa Novatek, è pronta ad avviare la perforazione di un pozzo per esplorare le riserve petrolifere offshore del Mar Adriatico, sulla costa del Montenegro. Il ministero degli Investimenti del paese balcanico ha espresso l’auspicio che questa trivellazione esplorativa promuova lo sviluppo economico del Montenegro.

“Le perforazioni esplorative a una profondità di 6.525 metri nel mare tra le città di Bar e Dulcigno continueranno per 4-6 mesi – hanno dichiarato le autorità del Montenegro – Dopodiché, saranno determinati i depositi per massimizzare il loro potenziale e la progettazione della produzione, che può proseguire da quattro a sei anni dopo il primo pozzo”. La trivellazione sarà effettuata con ausilio della piattaforma Topaz Driller, arrivata nel Montenegro e ora in posizione. Il progetto viene implementato a una distanza di 28 chilometri dalla costa. La base logistica si trova nel porto di Bar, dove è stata consegnata la maggior parte delle attrezzature di perforazione.

Nel 2016 le filiali dell’Eni e della russa Novatek hanno firmato con il governo del Montenegro un contratto di concessione per l’esplorazione e la produzione sui quattro blocchi 4118-4, 4118-5, 4118-9 e 4118-10 presenti nell’offshore, che coprono una superficie complessiva di 1.228 chilometri quadrati. Eni Montenegro ha il ruolo di operatore nella joint-venture con quota di partecipazione del 50%, mentre Novatek detiene il restante 50%. La duratura dell’accordo siglato è di 30 anni. Nel 2018 sono stati ottenuti dati geofisici necessari a individuare i migliori prospetti dell’area.

L’inizio delle attività di perforazione era previsto per il 2020 ma è slittato. Nel 2020 è stata terminata la prima fase, quella di ricerca, dove è stata effettuata l’esplorazione sismica con l’esito di determinare il luogo per la perforazione dei pozzi esplorativi. La seconda fase prevede la perforazione di due pozzi: uno, più profondo, per l’identificazione del giacimento di petrolio e l’altro di gas.

(La notizia è tratta da un report esclusivo di Sputniknews.com)

More articles

Latest article

KR 606-3 di Klemm, la piccola lepre delle perforazioni

Configurazione compatta, peso leggero e nuovo leverismo. Da Klemm Bohrtechnik arriva in scena il modello KR 606-3 di perforatrice universale, creata ad hoc per...

La Tav del Nord-Est a tutto cantiere

Impossibile non accorgersi dei cantieri sterminati che corrono a fianco all’autostrada A4. La Tav Milano-Venezia c’è e si vede ed è inesorabile l'incedere dei...

PGExpo Online 2021, parte oggi la fiera virtuale delle reti di Energia e sottoservizi

Il giorno è oggi, l’8 giugno, alle ore 10. Fra poche ore apre il PGExpo Online 2021, la prima fiera virtuale di livello internazionale dedicata alle imprese coinvolte...

La soluzione “techno” di Moog per Drillmec

Leader mondiale nella fornitura di soluzioni ad alte prestazioni per il controllo del movimento, Moog vanta, tra le più recenti collaborazioni di successo, quella...

Frosinone, al via le trivellazioni tecniche per i Piloni

Il Comune di Frosinone ha dato il via alle indagini tecniche per il progetto di messa in sicurezza e valorizzazione del complesso Piloni, insieme...