lunedì, Dicembre 6, 2021

 

IMT AL BAUMA

Must read

Webuild completa 82% dello scavo del Lotto Mules 2-3 della Galleria di Base del Brennero

La fresa “Serena” ha raggiunto il Brennero , dopo aver scavato oltre 14km di galleria in 3,5 anni di attività. Si conclude così lo...

Primo test per la pala da miniera a batteria Sandvik da 18 t.

Lo stabilimento per la produzione di zinco di Garpenberg di proprietà della Boliden in Svezia diventerà la prima miniera in Europa a testare la...

Da Epiroc il nuovo sistema di perforazione ET51

Il sistema di perforazione con aste tubolari ET51 consente perforazioni più dritte e profonde, migliorando notevolmente la durata. La capacità del sistema di eseguire...

Idrogeno, energia per il futuro dell’industria italiana

Alberto Dossi, presidente dell’associazione H2IT, ci spiega l’importanza strategica di un elemento cardine della transizione ecologica nella vita di tutti i giorni e nell’industria del...

La filosofia costruttiva di IMT negli ultimi anni è stata quella di riappropriarsi del proprio brand distaccandosi dal binomio con Caterpillar. I grandi sforzi di progettazione del costruttore italiano hanno portato alla nascita della gamma “A”, che presenta un design completamente rivisto e doti tecniche mai avute sulle precedenti serie “AF” su base CAT.

Basti pensare alla caratteristica multipurpose che permette di trasformare la macchina da standard a qualsiasi versione speciale: CFA, LCA, DWG o vibroflottazione. Dove il montaggio del kit da applicazione speciale richiede solo poche ore di lavoro e permette di utilizzare la macchina su più applicativi mantenendo l’investimento ridotto.

Parimenti sono state migliorate le prestazioni, che vedono diametri elevati e grandi profondità (la A215 raggiunge, ad esempio, i 2.000 mm di diametro e una profondità massima di 65 m), e anche la solidità di tutte le macchine. Inoltre, aspetto da non sottovalutare, il grande lavoro di ottimizzazione ha permesso di lanciare le nuove perforatrici con un prezzo competitivo su tutti i mercati mondiali.

Queste caratteristiche sono comuni a tutte le macchine della gamma, dalla più piccola A140 (140 kNm, per 35 t di peso) passando per la media A215 (220 kNm, per 65 t di peso) fino alla nuova A290 che si posizionerà come la più grande della serie (290 kNm, per 76 t di peso). Quest’ultima macchina, che lo ricordiamo ha fatto il proprio esordio al Bauma, presenta inoltre la caratteristica aggiuntiva di poter utilizzare un’asta a cinque elementi per 75 m di profondità senza la necessità di ridurre la coppia.

La A290, grazie al lavoro dei progettisti IMT, è infatti in grado di lavorare “full torque” fino alla massima profondità. Infine una nota di mercato: la solidità e reputazione di queste nuove macchine hanno permesso a IMT di aprire nuovi mercati come Australia, Argentina e Filippine, dove il marchio italiano è sempre stato poco presente.

More articles

Latest article

Webuild completa 82% dello scavo del Lotto Mules 2-3 della Galleria di Base del Brennero

La fresa “Serena” ha raggiunto il Brennero , dopo aver scavato oltre 14km di galleria in 3,5 anni di attività. Si conclude così lo...

Primo test per la pala da miniera a batteria Sandvik da 18 t.

Lo stabilimento per la produzione di zinco di Garpenberg di proprietà della Boliden in Svezia diventerà la prima miniera in Europa a testare la...

Da Epiroc il nuovo sistema di perforazione ET51

Il sistema di perforazione con aste tubolari ET51 consente perforazioni più dritte e profonde, migliorando notevolmente la durata. La capacità del sistema di eseguire...

Idrogeno, energia per il futuro dell’industria italiana

Alberto Dossi, presidente dell’associazione H2IT, ci spiega l’importanza strategica di un elemento cardine della transizione ecologica nella vita di tutti i giorni e nell’industria del...

Truck of the Year 2022, il trionfo di DAF

La nuova generazione di veicoli industriali DAF per il trasporto su lungo raggio è stata insignita del titolo “International Truck of the Year 2022“. “I modelli XF,...