lunedì, Settembre 20, 2021

2021

LA CATENA PORTACAVI IGUS PIÙ GRANDE AL MONDO

Must read

Geofluid, un grande successo che ritorna

Duecentocinquanta aziende espositrici con più di trecentocinquanta marchi presenti, quasi novemilacinquecento visitatori professionali - 9.425 per l’esattezza quelli certificati - con una presenza straniera...

Al via a Piacenza Expo il Geofluid della ripresa

Piacenza Expo apre le porte da oggi, mercoledì 15 settembre, fino a venerdì, alla 23esima edizione di Geofluid, alla presenza del presidente della Regione...

La sorpresa di Soilmec, a Geofluid 2021 arriva la perforatrice SM-6

Un mix perfetto tra design e prestazioni dall'aspetto ultracompatto. La perforatrice SM-6 di Soilmec plana alla kermesse espositiva di Geofluid 2021 portando tutto...

Vetroresina e tubi biodegradabili, l’alta sostenibilità di Sireg nel consolidamento

Se parliamo di Sireg Geotech, è doveroso conoscere un bel pezzo di storia delle costruzioni in Italia. È dal 1936, infatti, che questa realtà...

Le catene portacavi in materiali plastici ad alte prestazioni stanno soppiantando sistematicamente le varianti metalliche grazie al loro peso ridotto, alla mancanza di manutenzione e all’elevata stabilità, anche laddove è necessario guidare grandi cavi e tubi, come nei cantieri navali e sulle piattaforme di perforazione, ma anche nelle acciaierie dove l’utilizzo di acciaio nei mezzi di produzione non è sempre indicato, soprattutto se è richiesto un sistema di alimentazione affidabile e resistente.

Queste condizioni ambientali avverse sono ideali per la E4.350, la catena portacavi in plastica più grande al mondo recentemente presentata da Igus proprio per quei settori nei quali è necessario proteggere cavi e tubi di grosse dimensioni, come per esempio nelle macchine pesanti o nelle applicazioni offshore quali gru per navi o piattaforme di perforazione.

Il materiale plastico ad alte prestazioni fa sì che la catena sia resistente alla corrosione, agli agenti chimici e petrolchimici e alla luce del sole. Inoltre è autolubrificante e non richiede grasso né olio sui giunti per l’intera durata, anche in ambienti particolarmente sporchi. Ciò riduce la necessità di manutenzioni e permette di prevederne con maggiore precisione la durata.

ADATTABILE ALLE APPLICAZIONI
Grazie alla sua struttura modulare, a seconda delle necessità, la E4.350 può essere facilmente accorciata o allungata. In caso di lunghezze autoportanti fino a 6,5 m e carichi addizionali ben oltre i 100 kg/m, la catena portacavi igus offre un’eccellente rigidità e una resistenza particolarmente elevata.

La possibilità di apertura dei traversini, insieme all’elevata altezza interna di 350 mm, consentono di riempire facilmente la catena portacavi con cavi e tubi particolarmente grandi. Un grande vantaggio rispetto alle catene portacavi in acciaio non è solo il peso ridotto, bensì anche la possibilità di riempire la catena individualmente in modo semplice, grazie a un sistema di separazione con supporti interni e di montaggio in ogni maglia.

La E4.350 è inoltre disponibile come catena portacavi roller per corse particolarmente lunghe: rulli in speciali tribopolimeri consentono un funzionamento quasi del tutto esente da manutenzione e riducono in modo significativo abrasione e usura della catena, aumentando così la durata complessiva dell’applicazione. Il coefficiente di attrito di rotolamento è circa il 75 percento inferiore rispetto a quello di strisciamento, quindi è necessario il 57 percento in meno di energia per movimentare la catena.

La E4.350 è disponibile come singolo componente o come sistema completo assemblato, su richiesta viene anche montato direttamente in loco ovunque nel mondo.

FORTE COME L’ACCIAIO MA PIÙ LEGGERA
La resistenza della catena portacavi è dimostrata da ampi test effettuati nel laboratorio di prova di 2.750 m². Il risultato ha mostrato che la E4.350 resiste senza problemi a carichi di trazione e di rottura di oltre 175.000 N.

Ma la catena portacavi si dimostra valida anche in casi concreti, in applicazioni in tutto il mondo su navi, piattaforme di perforazione o nei porti come ad Anversa. In questo caso dal porto si fa confluire l’acqua salmastra in una vasca e il limo viene aspirato sul ponte da pompe per la depurazione. Le pompe possono scorrere per l’intera lunghezza del ponte, pari a 150 metri. I pesanti tubi (circa 100 kg/m) vengono guidati in modo sicuro con la E4.350, che sul ponte li protegge dall’abrasione meccanica. L’intero impianto è in funzionamento continuo senza bisogno di manutenzione.

Un video sulla E4.350 in funzione è disponibile qui.

More articles

Latest article

Geofluid, un grande successo che ritorna

Duecentocinquanta aziende espositrici con più di trecentocinquanta marchi presenti, quasi novemilacinquecento visitatori professionali - 9.425 per l’esattezza quelli certificati - con una presenza straniera...

Al via a Piacenza Expo il Geofluid della ripresa

Piacenza Expo apre le porte da oggi, mercoledì 15 settembre, fino a venerdì, alla 23esima edizione di Geofluid, alla presenza del presidente della Regione...

La sorpresa di Soilmec, a Geofluid 2021 arriva la perforatrice SM-6

Un mix perfetto tra design e prestazioni dall'aspetto ultracompatto. La perforatrice SM-6 di Soilmec plana alla kermesse espositiva di Geofluid 2021 portando tutto...

Vetroresina e tubi biodegradabili, l’alta sostenibilità di Sireg nel consolidamento

Se parliamo di Sireg Geotech, è doveroso conoscere un bel pezzo di storia delle costruzioni in Italia. È dal 1936, infatti, che questa realtà...

Dolmen, geotecnica in software avanzato

Realtà tecnologiche di grande valore ne esistono tante nel nostro paese, ma un’eccellenza come quella di CDM Dolmen non può non attirare l’attenzione degli...