lunedì, Aprile 15, 2024

Metro C di Roma, stazione Venezia. Entra in azione l’idrofresa di Soilmec

Must read

Cece, a Intermat 2024 l’evento sul CRMA

Il CECE (Committee for European Construction Equipment) ha organizzato, in occasione di Intermat 2024, un evento dal titolo "CRMA e il contributo delle attrezzature...

Nasce DrillDeep, dall’unione tra Herrenknecht AG e Arverne Group

Il player francese nel settore geotermico Arverne Group e lo specialista del tunneling Herrenknecht AG hanno sottoscritto una partnership strategica per formare una nuova...

Agli IFCEE di Dallas debutta negli States la MC 16 Comacchio

Dal 7 al 10 maggio, presso lo Hyatt Regency di Dallas, Texas, si svolgerà l'International Foundations Congress & Equipment Expo, noto con l'acronimo di...

Le idrofrese Soilmec nel cantiere North East Link di Melbourne

Ci troviamo in Australia, nella zona nord est di Melbourne, dove è attualmente in corso un cantiere di proporzioni enormi, che rappresenta l'investimento infrastrutturale...

Ci siamo. Dopo un viaggio di oltre 320 chilometri è arrivata a destinazione la SC-130 Tiger Plus di Soilmec, l’idrofresa, commissionata da Metro C, progettata e prodotta appositamente per scavare le pareti perimetrali della nuova stazione-museo di Piazza Venezia, nell’ambito dello sviluppo della Linea C della metropolitana di Roma. 

Il viaggio del gigante tricolore si è articolato in un totale di dodici trasporti, di cui quattro eccezionali, partendo dallo stabilimento Soilmec di Cesena, dove l’idrofresa è stata prodotta.

Una sfida ingegneristica, quella della realizzazione della stazione Venezia, che vedrà dai prossimi giorni come protagonista la grande macchina del costruttore emiliano. La potente SC-130 Tiger scaverà alla profondità record di 85 metri, per realizzare qualcosa che finora non è mai stato provato prima. Un’opera che durerà circa 10 anni, e che vedrà alla fine dei lavori, uno spettacolo di ingegneria e di architettura senza pari.

L’idrofresa, con un’altezza di 24,5 metri e un peso di 185 tonnellate, lavorerà in verticale sfruttando un getto di acqua ad alta pressione. Sarà impiegata nella realizzazione di circa 55 mila metri cubi di diaframmi perimetrali in cemento armato della stazione. Con i diaframmi perimetrali si realizzerà una scatola idraulicamente isolata, che consentirà poi di procedere lo scavo con il metodo Top Down, realizzando i solai di stazione dall’alto verso il basso.

“In genere le idrofrese vengono utilizzate per scavi con una profondità che varia i 40 e i 70 metri -commenta Andrea Di Eugenio, Head of Global Product Management & Service in Soilmec – in questo caso si arriva fino 85 metri, un record per le stazioni delle metropolitane romane e una reale sfida ingegneristica, anche considerato il contesto in cui dovrà operare”.

La realizzazione dei diaframmi procederà nei prossimi mesi in parallelo con le altre opere del cantiere, già avviate nella parte centrale della piazza, come l’esecuzione di carotaggi archeologici.

La stazione Venezia, commissionata da Roma Metropolitane è realizzata da Metro C S.C.p.A., General Contractor dell’opera, società costituita dal Gruppo Webuild, per il tramite di Partecipazioni ItaliaVianini Lavori S.p.A.Hitachi Rail STS S.p.A.,Cooperativa Muratore Braccianti di CarpiConsorzio Cooperative Costruzioni. Una volta ultimata sarà una vera e propria archeo-stazione. Una grande sfida ingegneristica che si tradurrà in una stazione profonda 45 metri.

Venezia sarà un museo fra i musei. Infatti, oltre a creare attraverso tre ingressi una connessione fra i più importanti palazzi museali del centro storico di Roma, la stazione ospiterà parte delle strutture antiche che verranno rinvenute nel corso dello scavo fra le quali le aule degli Auditoria di Adriano. Si svilupperà su sei piani ognunocon una superficie pari a 4.500 metri quadrati e sarà la prima metropolitana a guida automatica di Roma.

L’intera opera è finanziata da Ministero Infrastrutture (70%), Roma Capitale (18%) e Regione Lazio (12%).

More articles

Latest article

Cece, a Intermat 2024 l’evento sul CRMA

Il CECE (Committee for European Construction Equipment) ha organizzato, in occasione di Intermat 2024, un evento dal titolo "CRMA e il contributo delle attrezzature...

Nasce DrillDeep, dall’unione tra Herrenknecht AG e Arverne Group

Il player francese nel settore geotermico Arverne Group e lo specialista del tunneling Herrenknecht AG hanno sottoscritto una partnership strategica per formare una nuova...

Agli IFCEE di Dallas debutta negli States la MC 16 Comacchio

Dal 7 al 10 maggio, presso lo Hyatt Regency di Dallas, Texas, si svolgerà l'International Foundations Congress & Equipment Expo, noto con l'acronimo di...

Le idrofrese Soilmec nel cantiere North East Link di Melbourne

Ci troviamo in Australia, nella zona nord est di Melbourne, dove è attualmente in corso un cantiere di proporzioni enormi, che rappresenta l'investimento infrastrutturale...

Inizio di quattro nuove commesse e bilancio 2023 in decisa crescita per Palingeo Spa

Palingeo, azienda leader nei settori della geotecnica e della geognostica, attiva all'interno del territorio nazionale nella realizzazione di opere edili, infrastrutturali e nel consolidamento...