martedì, Gennaio 19, 2021

UNA STRADA NEL DESERTO

Must read

Da Sandvik la nuova perforatrice mineraria DD212

Sandvik Mining and Rock Solutions ha presentato ieri la nuova perforatrice mineraria Sandvik DD212, modello elettroidraulico a braccio singolo, compatto e dalle funzionalità intelligenti,...

Mereu in campo con la MI 8 di Massenza per la ricerca termale

Dopo lo stop forzato per via dell'emergenza sanitaria, in questa settimana sono riprese a Fordongianus, nel territorio di Oristano, le trivellazioni per la ricerca...

I.CO.P. entra nel 2021, tra parco del mare Trieste e microtunnel a El Salvador

I.CO.P., Iccrea BancaImpresa e Costa Edutainment S.p.A. hanno presentato alla camera di commercio il progetto e il cofinanziamento privato per realizzare il grande attrattore...

Casagrande training 2021, si comincia il 19 gennaio

Il calendario training 2021 di Casagrande esordirà il prossimo 19 gennaio con il corso "A complete training on CFM and CDR: devices which allows...

Il deserto di Rub ‘al Khali è il più grande e il più arido deserto di sabbia al Mondo, copre quattro nazioni arabe e 600.000 chilometri quadrati. Lungo 1.000 chilometri e largo 500, il suo terreno è ricoperto di dune di sabbia ripide alte fino a 250 metri. Rub ‘al Khali è stato una spietata barriera naturale tra l’Arabia Saudita e l’Oman per secoli, ma nel 2010 qualcosa è cambiato. Si è deciso di costruire la prima strada che attraversa questo mare di sabbia, per collegare finalmente le due Nazioni attraverso una striscia di asfalto lunga 519 chilometri. E a costruire tale opera monumentale è stato chiamata, tra gli altri, la

Al-Rosan Contracting che ha ricevuto l’incarico di costruire 256 km della nuova arteria, che comprende una sola corsia per senso di marcia alle quali si aggiungono corsie secondarie per i mezzi pesanti dove  le naturali pendenze del territorio si accentuano. “L’intero progetto è stato una sfida sin dal primo giorno per molti fattori: condizioni climatiche, topografia della zona, distanza dalle città, disponibilità di pezzi di ricambio e altri servizi” ha dichiarato Fahad Hazza Aba Alros, direttore generale di Al-Rosan Contracting. “Senza dimenticare che costruire una strada su dune di sabbia che si spostano continuamente non è facile. Per questi motivi la scelta delle macchine è stata fondamentale”. A tal proposito Al-Rosan Contracting ha chiesto il supporto di FAMCO (Al-Futtaim Auto & Machinery Co. LLC) quale partner per i macchinari. E FAMCO è  il distributore esclusivo di Volvo CE negli Emirati Arabi Uniti e in Arabia Saudita. “Siamo entrati nel mercato saudita nel 2011 con l’acquisizione di un concessionario Volvo CE esistente” afferma Paul Floyd, Senior Director Managing – FAMCO Group. “Da allora, stiamo facendo un impatto in questo importante mercato delle costruzioni. La strada che attraversa Rub ottenendo grossi risultati e apprezzamento dal mercato, grazie alla qualità delle macchine Volvo. Il cantiere di Rub ‘al Khali è un ottimo esempio di come abbiamo risposto alle esigenze del nostro cliente a 360 gradi con la fornitura di servizi, supporto e assistenza on-site.

Lavorare al meglio

“Le sfide erano principalmente il clima e l’enorme quantità di sabbia in movimento” dice Eslam Reddah, capo officina di Al-Rosan Contracting. “Abbiamo scelto le macchine Volvo per la loro affidabilità in condizioni estreme. “ La costruzione dei 256 km è stata completata a sezioni e ha comportato la movimentazione di gigantesche quantità di sabbia (130 milioni di metri cubi) e di materiale (12 milioni di metri cubi) necessario per proteggere i terrapieni da sabbia e acqua. I mezzi sono stati acquistati e consegnati durante le varie fasi di costruzione, per un  totale di 95 macchine Volvo, tra cui dumper articolati, escavatori e livellatrici, che si sono trovate a operare a temperaturae che hanno oscillato dai 50 °C del giorno ai -1 °C della notte. La strada è stata completata con successo e presto diventerà un collegamento vitale tra i due Paesi, riducendo drasticamente i tempi di percorrenza.

More articles

Latest article

Da Sandvik la nuova perforatrice mineraria DD212

Sandvik Mining and Rock Solutions ha presentato ieri la nuova perforatrice mineraria Sandvik DD212, modello elettroidraulico a braccio singolo, compatto e dalle funzionalità intelligenti,...

Mereu in campo con la MI 8 di Massenza per la ricerca termale

Dopo lo stop forzato per via dell'emergenza sanitaria, in questa settimana sono riprese a Fordongianus, nel territorio di Oristano, le trivellazioni per la ricerca...

I.CO.P. entra nel 2021, tra parco del mare Trieste e microtunnel a El Salvador

I.CO.P., Iccrea BancaImpresa e Costa Edutainment S.p.A. hanno presentato alla camera di commercio il progetto e il cofinanziamento privato per realizzare il grande attrattore...

Casagrande training 2021, si comincia il 19 gennaio

Il calendario training 2021 di Casagrande esordirà il prossimo 19 gennaio con il corso "A complete training on CFM and CDR: devices which allows...

Soilmec e la ricerca contro il Parkinson, in memoria dell’ingegner Antonelli

Per volontà della famiglia, il gruppo Trevi e i colleghi di Soilmec del compianto ingegner Alberto Antonelli hanno donato 7.055 euro alla sezione di...