venerdì, Febbraio 23, 2024

400 chili di esplosivo per la messa in sicurezza della statale 350 in Trentino

Must read

Caterpillar Mining e ThoroughTec, rinnovata la partnership per le tecnologie di simulazione

Caterpillar e l'azienda sudafricana ThoroughTec Simulation hanno rinnovato il loro accordo di cooperazione globale, rafforzando il reciproco impegno volto a sviluppare la formazione degli...

Geotherm Expo & Congress 2024, il focus sull’energia geotermica

Si svolgerà tra il 29 febbraio e il primo marzo, nella cornice del Trade Fair Centre di Offenburg, in Germania, la diciassettesima edizione di...

Metro C di Roma, stazione Venezia. Entra in azione l’idrofresa di Soilmec

Ci siamo. Dopo un viaggio di oltre 320 chilometri è arrivata a destinazione la SC-130 Tiger Plus di Soilmec, l’idrofresa, commissionata da Metro C, progettata e prodotta appositamente...

Torino-Lione, procedono a pieno regime i cantieri in Italia e Francia

Il progetto della TAV Torino-Lione, una delle più ambiziose opere infrastrutturali d'Europa, sta prendendo forma con passi decisi e innovativi. L'inizio del nuovo anno...

Nei giorni scorsi è stata fatta saltare con l’esplosivo, la porzione di roccia rimasta pericolante, sul versante della montagna, dopo la drammatica frana del 4 novembre, provocata dal maltempo, che aveva creato seri danni lungo la strada statale 350, sulla strada tra Lastebasse e Folgaria, in territorio trentino. L’obiettivo del presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti era quello di riuscire a riaprire la strada al traffico entro il ponte del 8 dicembre, in corrispondenza con l’avvio della stagione turistica invernale.

I rocciatori delle ditte incaricate dei lavori hanno inserito, in parete, 400 chili di esplosivo al plastico all’interno di 10 fori larghi 95 millimetri e lunghi 20 metri e in una serie di perforazioni da 52 millimetri, della lunghezza di 5 metri.

Dalla detonazione è conseguito lo sbriciolamento di circa 2 mila metri cubi di roccia che incombevano sopra la strada statale 350 di Folgaria e Valdastico, in località Busatti. Un passo ritenuto necessario, dalla Provincia autonoma di Trento, per mettere in sicurezza il versante e la strada sottostante e poter procedere con i lavori per la sistemazione della stessa. La demolizione controllata è stata coordinata dai tecnici del Servizio Opere Stradali e Ferroviarie della Provincia trentina in collaborazione con il Servizio Geologico e con la partecipazione dei vigili del fuoco volontari di Folgaria e di Lavarone, dei carabinieri e della polizia locale di Folgaria

Durante tutte le operazioni, la presenza delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco ha garantito la sicurezza dell’intera area, sorvegliando gli accessi. Nei giorni successivi i rocciatori sono tornati in parete per eliminare gli ultimi residui di materiale roccioso, operazione per la quale sono stati utilizzati dei martinetti idraulici. Nel frattempo, sono già iniziate le lavorazioni per il ripristino di uno dei muri situati lungo la strada, il manufatto era stato danneggiato dal crollo del materiale durante la frana.

In totale, la stima dei danni relativi alla frana del 4 novembre si aggira intorno a un milione di euro.

More articles

Latest article

Caterpillar Mining e ThoroughTec, rinnovata la partnership per le tecnologie di simulazione

Caterpillar e l'azienda sudafricana ThoroughTec Simulation hanno rinnovato il loro accordo di cooperazione globale, rafforzando il reciproco impegno volto a sviluppare la formazione degli...

Geotherm Expo & Congress 2024, il focus sull’energia geotermica

Si svolgerà tra il 29 febbraio e il primo marzo, nella cornice del Trade Fair Centre di Offenburg, in Germania, la diciassettesima edizione di...

Metro C di Roma, stazione Venezia. Entra in azione l’idrofresa di Soilmec

Ci siamo. Dopo un viaggio di oltre 320 chilometri è arrivata a destinazione la SC-130 Tiger Plus di Soilmec, l’idrofresa, commissionata da Metro C, progettata e prodotta appositamente...

Torino-Lione, procedono a pieno regime i cantieri in Italia e Francia

Il progetto della TAV Torino-Lione, una delle più ambiziose opere infrastrutturali d'Europa, sta prendendo forma con passi decisi e innovativi. L'inizio del nuovo anno...

Galleria di Base del Brennero, la fotografia esclusiva dei cantieri sul prossimo numero di Perforare

Per il prossimo numero di Perforare stiamo preparando uno speciale, redatto in esclusiva dalla nostra rivista con la collaborazione di BBT SE, la società...