mercoledì, Giugno 23, 2021

2021

La Tav del Nord-Est a tutto cantiere

Must read

Riapre a Firenze il Lungarno Diaz, capolavoro di consolidamento

Ha riaperto, il 14 giugno scorso a Firenze, il Lungarno Diaz, al centro dei complessi interventi di consolidamento dopo il crollo del novembre 2019....

Perforatrici e sicurezza, l’appello culturale di A.N.CO.R.S.

In relazione al grave incidente di pochi giorni fa, con il crollo di una perforatrice a Milano e il conseguente danneggiamento di un'importante struttura...

BONUS PUBBLICITÀ 2021, INVESTI SULLE NOSTRE TESTATE!!!

Se avete perso la scadenza di Marzo 2021 siete ancora in tempo a presentare la domanda di accesso al bonus! Il decreto sostegni bis (dl...

Enerpac presenta i cilindri idraulici RC-Trio a retrazione rapida

Enerpac annuncia la gamma di cilindri idraulici RC-Trio con un nuovo sistema di cuscinetti per una maggiore durata e un sistema ibrido di ritorno...

Impossibile non accorgersi dei cantieri sterminati che corrono a fianco all’autostrada A4. La Tav Milano-Venezia c’è e si vede ed è inesorabile l’incedere dei cantieri in questo preludio d’estate 2021, nell’anno in cui la stessa Cepav due – il Consorzio Eni per l’Alta velocità, general contractor dell’opera – aveva annunciato l'”esplosione” trionfale del cuore operativo per la linea ad alta velocità.

A Desenzano, nella zona tra il Lavagnone e Montonale, di fianco alla Cascina Serraglio, proseguono spediti i lavori di realizzazione dell’uscita della maxi-galleria a doppia canna che da Campagna – dove è allestito il cantiere Lonato Ovest, il più grande del Garda bresciano – sfocerà proprio a Desenzano dopo quasi 8 chilometri. Nel sottosuolo, continua a scavare alacremente la TBM (Tunnel Boring Machine) Martina, la fresa da oltre 1.800 tonnellate, lunga 150 metri e con diametro di 10, arrivata a Lonato quasi un anno fa, smontata e trasportata a bordo di 60 camion da trasporto eccezionale. A Desenzano, dopo aver concluso i lavori per la prima canna della galleria, verrà nuovamente smontata e trasferita a Lonato, per scavare anche la seconda. È questa l’opera forse più mastodontica dell’intera tratta: costerà più di 205 milioni di euro e per realizzarla ci vorranno anni di lavoro febbrile. Gli accessi e le uscite saranno in galleria artificiale, con prefabbricati in cemento; il cuore dello scavo sarà invece in galleria naturale.

Si lavora anche sulla A4, con un cantiere in piattaforma autostradale per consentire i consolidamenti dell’alto della stessa galleria. Intanto le aree di cantiere si estendono. Deviata anche la SP13 dei Colli Storici per la realizzazione di una nuova galleria artificiale, con i lavori ferroviari in corrispondenza del casello A4 di Sirmione. La Tav Brescia Est-Verona interessa una tratta di oltre 45 chilometri, attraversando due regioni, tre province e 11 paesi. A oggi sono 400 le maestranze al lavoro e nell’intero periodo di esecuzione dell’opera (pronta entro il 2026) saranno circa 6mila.

More articles

Latest article

Riapre a Firenze il Lungarno Diaz, capolavoro di consolidamento

Ha riaperto, il 14 giugno scorso a Firenze, il Lungarno Diaz, al centro dei complessi interventi di consolidamento dopo il crollo del novembre 2019....

Perforatrici e sicurezza, l’appello culturale di A.N.CO.R.S.

In relazione al grave incidente di pochi giorni fa, con il crollo di una perforatrice a Milano e il conseguente danneggiamento di un'importante struttura...

BONUS PUBBLICITÀ 2021, INVESTI SULLE NOSTRE TESTATE!!!

Se avete perso la scadenza di Marzo 2021 siete ancora in tempo a presentare la domanda di accesso al bonus! Il decreto sostegni bis (dl...

Enerpac presenta i cilindri idraulici RC-Trio a retrazione rapida

Enerpac annuncia la gamma di cilindri idraulici RC-Trio con un nuovo sistema di cuscinetti per una maggiore durata e un sistema ibrido di ritorno...

KR 606-3 di Klemm, la piccola lepre delle perforazioni

Configurazione compatta, peso leggero e nuovo leverismo. Da Klemm Bohrtechnik arriva in scena il modello KR 606-3 di perforatrice universale, creata ad hoc per...