mercoledì, Dicembre 1, 2021

 

L’AGENDA DEI LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE

Must read

Webuild completa 82% dello scavo del Lotto Mules 2-3 della Galleria di Base del Brennero

La fresa “Serena” ha raggiunto il Brennero , dopo aver scavato oltre 14km di galleria in 3,5 anni di attività. Si conclude così lo...

Primo test per la pala da miniera a batteria Sandvik da 18 t.

Lo stabilimento per la produzione di zinco di Garpenberg di proprietà della Boliden in Svezia diventerà la prima miniera in Europa a testare la...

Da Epiroc il nuovo sistema di perforazione ET51

Il sistema di perforazione con aste tubolari ET51 consente perforazioni più dritte e profonde, migliorando notevolmente la durata. La capacità del sistema di eseguire...

Idrogeno, energia per il futuro dell’industria italiana

Alberto Dossi, presidente dell’associazione H2IT, ci spiega l’importanza strategica di un elemento cardine della transizione ecologica nella vita di tutti i giorni e nell’industria del...

A un mese dal terremoto che ha colpito il centro Italia Matteo Renzi ha presentato l’Agenda dei Lavori per la ricostruzione che comprende sostegno immediato a imprese, trasparenza, legalità, liste di merito, manutenzione e adeguamento sismico fuori dal Patto di Stabilità. Il tutto sotto la parola d’ordine: tutto tornerà come prima (ma speriamo costruito a norma antisismica!).

“L’obiettivo è quello di rifare tutto come prima, in piena vicinanza con le realtà del territorio” ha chiarito Renzi al termine della presentazione dell’Agenda.

I danni ammontano a quattro miliardi di euro. Una cifra che ovviamente non c’è nelle casse dello Stato e che salterà fuori con una serie di escamotage dalle tasche degli italiani. A partire dall’ecobonus, ossia la misura fiscale che permette di intervenire nelle case per l’adeguamento sismico oltre che per l’efficientamento energetico, che è stato ufficialmente prorogato anche per il 2017. Questo dovrebbe spingere chi ha proprietà in zone sismiche a procedere all’adeguamento per sfruttare i vantaggi fiscali.

Verranno poi avviate alcune iniziative come il progetto Casa Italia e il “sisma decreto” che verrà varato entro i primi giorni di ottobre e che conterrà un meccanismo chiaro di risarcimento del danno.

Il decreto servirà a riconoscere i danni del terremoto, definitivamente. “Non ci troveremo a ridiscutere ogni anno le quote per il risarcimento delle popolazioni colpite”, ha precisato Renzi.

Le imprese che lavoreranno all’adeguamento sismico degli edifici pubblici dovranno essere iscritte a liste di merito e le stazioni appaltanti saranno solo ed esclusivamente le 4 Regioni colpite dal sisma. Con l’adeguamento gli edifici dovranno al massimo subire danni, ma non crollare, a fronte di un terremoto con magnitudo fino al 6° grado.

Tutti gli interventi di manutenzione e adeguamento sismico saranno considerati fuori dal patto di stabilità. La legge di stabilità 2017 conterrà un grande incoraggiamento agli amministratori locali, aprendo alla programmazione, agli investimenti sugli edifici. Tutti gli interventi di manutenzione e adeguamento sismico saranno considerati fuori dal patto di stabilità interno”, continua il premier.

More articles

Latest article

Webuild completa 82% dello scavo del Lotto Mules 2-3 della Galleria di Base del Brennero

La fresa “Serena” ha raggiunto il Brennero , dopo aver scavato oltre 14km di galleria in 3,5 anni di attività. Si conclude così lo...

Primo test per la pala da miniera a batteria Sandvik da 18 t.

Lo stabilimento per la produzione di zinco di Garpenberg di proprietà della Boliden in Svezia diventerà la prima miniera in Europa a testare la...

Da Epiroc il nuovo sistema di perforazione ET51

Il sistema di perforazione con aste tubolari ET51 consente perforazioni più dritte e profonde, migliorando notevolmente la durata. La capacità del sistema di eseguire...

Idrogeno, energia per il futuro dell’industria italiana

Alberto Dossi, presidente dell’associazione H2IT, ci spiega l’importanza strategica di un elemento cardine della transizione ecologica nella vita di tutti i giorni e nell’industria del...

Truck of the Year 2022, il trionfo di DAF

La nuova generazione di veicoli industriali DAF per il trasporto su lungo raggio è stata insignita del titolo “International Truck of the Year 2022“. “I modelli XF,...