mercoledì, Luglio 24, 2024

Pisa, per il ponte ciclopedonale Cisanello-Riglione, al via i pali di fondazione

Must read

Miniescavatore dall’anima fluida. In Svezia Bobcat utilizza il nuovo E88 per la realizzazione di pozzi di ventilazione in galleria

Per una complicata missione in Svezia, che richiedeva l'utilizzo di una macchina dalle caratteristiche speciali, l'azienda Nordkust Maskin AB, in collaborazione con Bobcat Sverige...

Palingeo al lavoro per la “viabilità olimpica” di Cortina con una Casagrande B250 XP-2

Una Casagrande B250 XP-2, equipaggiata con morsa giracolonna, è all’opera nello scenario dolomitico di Cortina per un intervento di adeguamento della viabilità sulla statale...

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il "piccolo" incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una...

Epiroc lancia la quarta generazione del Titan Collision Avoidance System

Epiroc implementa il suo sistema di sicurezza per il settore minerario con il rilascio della quarta generazione del Titan Collision Avoidance System (CAS), che...

Sono partiti martedì scorso i lavori di installazione dei pali di fondazione del Ponte ciclopedonale che a Pisa collegherà i quartieri di Cisanello a Riglione divisi dal fiume. All’inizio del dicembre scorso, nell’area di Cisanello, lungo l’argine dell’Arno dietro all’edificio dell’ospedale, l’impresa Preve Costruzioni di Cuneo aveva già provveduto a pulire la zona dalla vegetazione, spianare il terreno e a predisporre l’argine del fiume alle operazioni successive. Ieri ha fatto ingresso nell’area del cantiere la perforatrice che ha iniziato le lavorazioni per installare i pali che sorreggeranno la struttura.

I lavori, che avranno una durata prevista di 300 giorni, sono seguiti dall’impresa Pisamo, incaricata dal Comune della gestione per la fase progettuale, l’affidamento e il monitoraggio sull’esecuzione delle opere. L’intervento ha un costo complessivo di 3,5 milioni di euro, di cui 1,7 milioni finanziati dal Comune di Pisa e 1,4 milioni dalla Regione Toscana, a cui si aggiunge un contributo di 400 mila euro da parte dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana.
La perforatrice Casagrande dell’impresa trentina SCS ha iniziato le operazioni di scavo da qualche giorno e si prevede di mettere in posa due pali al giorno, alla profondità di 30 metri. Dalla parte di Cisanello verranno installati complessivamente 30 pali di fondazione, che verranno ultimati entro il mese di febbraio. La perforatrice si sposterà poi sull’altro argine, dalla parte di Riglione, ed eseguirà la stessa operazione di scavo e di posa dei pali.

More articles

Latest article

Miniescavatore dall’anima fluida. In Svezia Bobcat utilizza il nuovo E88 per la realizzazione di pozzi di ventilazione in galleria

Per una complicata missione in Svezia, che richiedeva l'utilizzo di una macchina dalle caratteristiche speciali, l'azienda Nordkust Maskin AB, in collaborazione con Bobcat Sverige...

Palingeo al lavoro per la “viabilità olimpica” di Cortina con una Casagrande B250 XP-2

Una Casagrande B250 XP-2, equipaggiata con morsa giracolonna, è all’opera nello scenario dolomitico di Cortina per un intervento di adeguamento della viabilità sulla statale...

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il "piccolo" incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una...

Epiroc lancia la quarta generazione del Titan Collision Avoidance System

Epiroc implementa il suo sistema di sicurezza per il settore minerario con il rilascio della quarta generazione del Titan Collision Avoidance System (CAS), che...

Comacchio, la perforatrice full-electric eGEO 405 supera a pieni voti la prova in cantiere

La prima macchina Comacchio “full electric”, la eGEO 405, supera il banco di prova in cantiere. Testata nel Regno Unito dal dealer JKS Boyles...