lunedì, Settembre 20, 2021

2021

Rinasce in Piemonte la più grande miniera di cobalto d’Europa

Must read

Geofluid, un grande successo che ritorna

Duecentocinquanta aziende espositrici con più di trecentocinquanta marchi presenti, quasi novemilacinquecento visitatori professionali - 9.425 per l’esattezza quelli certificati - con una presenza straniera...

Al via a Piacenza Expo il Geofluid della ripresa

Piacenza Expo apre le porte da oggi, mercoledì 15 settembre, fino a venerdì, alla 23esima edizione di Geofluid, alla presenza del presidente della Regione...

La sorpresa di Soilmec, a Geofluid 2021 arriva la perforatrice SM-6

Un mix perfetto tra design e prestazioni dall'aspetto ultracompatto. La perforatrice SM-6 di Soilmec plana alla kermesse espositiva di Geofluid 2021 portando tutto...

Vetroresina e tubi biodegradabili, l’alta sostenibilità di Sireg nel consolidamento

Se parliamo di Sireg Geotech, è doveroso conoscere un bel pezzo di storia delle costruzioni in Italia. È dal 1936, infatti, che questa realtà...

Nichel e cobalto dalle miniere dismesse del Piemonte per la sfida della decarbonizzazione. In Italia la partita si gioca a Usseglio e Balme dove la Strategic minerals, azienda controllata dalla Alta Zinc Ltd, ha ottenuto il rinnovo dei permessi di ricerca per l’esplorazione di cobalto, nichel, rame, argento e metalli associati. Il rinnovo, richiesto dall’azienda mineraria, arriva dopo la scoperta di nuove mineralizzazioni a Balme area adiacente a quelle interessate dal progetto Punta Corna in comune di Usseglio.

Già nel 1750 in questa zona c’era la più grossa miniera di cobalto d’Europa. Oggi Alta Zinc ha acquisito i permessi per riprendere la ricerca di cobalto e nichel, anche nella prospettiva della progressiva transizione del mercato dell’auto verso la propulsione elettrica. Il nichel e cobalto sono le materie basilari per la produzione delle batterie di ultima generazione (come quelle che produrrà, ad esempio, l’Italvolt nell’imminenza dell’apertura di un centro per la produzione di batterie a Torino).

Il rinnovo per altri quattro anni dei due permessi e la presentazione della richiesta per effettuare le perforazioni – oltre all’investimento iniziale di due milioni e mezzo di euro – riporterà in vita una miniera europea dalle potenzialità straordinarie. Una direttiva dell’Ue incentiva tra l’altro la ricerca di metalli nei territori dell’Unione, indicando 32 elementi tra cui il cobalto, oggi per il 70% importato dal Congo. L’idea di base di Alta Zinc è quella di rivedere vecchi siti minerari anche alla luce delle nuove tecnologie e della risalita del prezzo dei metalli. Il gruppo industriale, a questo proposito, ha già presentato richieste per effettuare ricerche nelle vecchie miniere della Liguria, a Libiola, a nord-est di Sestri Levante e in Emilia Romagna.

(fonte: Davide Madeddu, Il Sole 24 Ore)

More articles

Latest article

Geofluid, un grande successo che ritorna

Duecentocinquanta aziende espositrici con più di trecentocinquanta marchi presenti, quasi novemilacinquecento visitatori professionali - 9.425 per l’esattezza quelli certificati - con una presenza straniera...

Al via a Piacenza Expo il Geofluid della ripresa

Piacenza Expo apre le porte da oggi, mercoledì 15 settembre, fino a venerdì, alla 23esima edizione di Geofluid, alla presenza del presidente della Regione...

La sorpresa di Soilmec, a Geofluid 2021 arriva la perforatrice SM-6

Un mix perfetto tra design e prestazioni dall'aspetto ultracompatto. La perforatrice SM-6 di Soilmec plana alla kermesse espositiva di Geofluid 2021 portando tutto...

Vetroresina e tubi biodegradabili, l’alta sostenibilità di Sireg nel consolidamento

Se parliamo di Sireg Geotech, è doveroso conoscere un bel pezzo di storia delle costruzioni in Italia. È dal 1936, infatti, che questa realtà...

Dolmen, geotecnica in software avanzato

Realtà tecnologiche di grande valore ne esistono tante nel nostro paese, ma un’eccellenza come quella di CDM Dolmen non può non attirare l’attenzione degli...