mercoledì, Aprile 21, 2021

SIRAI: 90 POZZI PER LA LIBIA

Must read

Grandi cantieri, si riparte subito. La road map di Draghi

Alla fine, la speranza di molti italiani che fanno impresa nelle costruzioni si sono avverate con il grande annuncio di venerdì sera. Il governo...

Da Liebherr due nuovi escavatori elettrici nella classe 90-100 ton.

L'escavatore cingolato elettrico R 976-E, insieme all'R 980 SME-E, sostituisce l'ER 974 B per l'estrazione in miniere e cave. Gli ultimi escavatori elettrici sviluppati...

Epiroc premia l’automazione mineraria e la conversione dal diesel alle batterie

Epiroc AB, un partner leader in termini di produttività e sostenibilità per i settori minerario e delle infrastrutture, premia l'automazione e l'elettrificazione delle macchine...

La nuova Comacchio MC 20 A

La nuova MC 20 A è una perforatrice compatta e potente, dotata di caricatore per aste e rivestimenti, progettata per far fronte a lavorazioni...

Sirai, acronimo di Societá Italiana per la Riqualificazione Ambientale ed Infrastrutturale, di Vincenzo Marinese (nella foto) ha sottoscritto un accordo per realizzare in Libia 90 pozzi di estrazione dell’acqua a una profondità di 700 m. Il valore dell’accordo stipulato dalla società di Porto Marghera (VE) è stimato attorno ai 150 milioni di euro e prevede anche il trattamento delle acque, le lavorazioni per lo stoccaggio e le infrastrutture necessarie per la distribuzione dell’acqua nei centri abitati.

L’accordo sottoscritto è figlio di un incontro bilaterale, tenutosi ad Hammamey a cui hanno partecipato una quarantina di imprese italiane. I rappresentanti italiani hanno avuto l’occasione di incontrare una numerosa delegazione libica delle regioni occidentali (Sabha, Dhaher Al Djebar e Zinten). Il meeting organizzato da Anbro consulting (associazione che si occupa di sviluppare affari nei paesi del nord Africa) verteva sulle necessità urgenti di realizzare interventi infrastrutturali.

All’incontro erano presenti tra gli altri: l’ambasciatore italiano Raimondo De Cardona; l’ex ambasciatore libico in Tunisia Youssef El Ayem; il sindaco governatore di Zinten Mustafa Mohamed Al Baroni; il sindaco di Dhaher Al Djebar Khaled Zayed al Chaidi; gli assessori delle Regioni libiche; il presidente di Confindustria sardo, Alberto Scanu; il vice presidente di Confindustria della Tunisia, Slim Ghorbel.

More articles

Latest article

Grandi cantieri, si riparte subito. La road map di Draghi

Alla fine, la speranza di molti italiani che fanno impresa nelle costruzioni si sono avverate con il grande annuncio di venerdì sera. Il governo...

Da Liebherr due nuovi escavatori elettrici nella classe 90-100 ton.

L'escavatore cingolato elettrico R 976-E, insieme all'R 980 SME-E, sostituisce l'ER 974 B per l'estrazione in miniere e cave. Gli ultimi escavatori elettrici sviluppati...

Epiroc premia l’automazione mineraria e la conversione dal diesel alle batterie

Epiroc AB, un partner leader in termini di produttività e sostenibilità per i settori minerario e delle infrastrutture, premia l'automazione e l'elettrificazione delle macchine...

La nuova Comacchio MC 20 A

La nuova MC 20 A è una perforatrice compatta e potente, dotata di caricatore per aste e rivestimenti, progettata per far fronte a lavorazioni...

Importante riconoscimento a TREVI in Svezia per il porto di Norvik

Il porto di Norvik a Stoccolma ha vinto l'Årets Bygge 2021, il premio prestigioso e più importante nel settore delle costruzioni pubbliche svedesi, nella...