mar | 16 | luglio | 2019

728×90 alto
728×90 alto
728×90 alto
Risanamento di diaframmi per la produzione di sali di potassio in Giordania

Risanamento di diaframmi per la produzione di sali di potassio in Giordania

Il termine “potassio” è ancora usato colloquialmente per riferirsi a vari sali contenente l’elemento di potassio. Il potassio è il settimo elemento più abbondante nella crosta terrestre e si trova principalmente in terreni pesanti e acqua di mare. Il nome “potash” deriva dal vecchio metodo di ottenere i sali di potassio, immergendo le ceneri di legna (ash) nell’acqua e facendo evaporare la soluzione risultante in pentole (“pot”). Componente fondamentale nei fertilizzanti, il potassio aumenta i raccolti e migliora la resistenza delle piante. Circa il 90% di il sale di potassio prodotto nel mondo è usato per fertilizzanti.

In molte regioni del mondo, i sali di potassio vengono estratti da grandi depositi sotterranei originati da mari preistorici prosciugati. Anche il Mar Morto è una ricca fonte di sali di potassio. L’Arab Potash Company in Giordania utilizza questa risorsa naturale come base per la produzione di cloruro di potassio. A questo scopo, l’acqua salata del Mar Morto viene pompata in grandi bacini di terra, dove viene creato il tanto desiderato potassio per evaporazione.

La BAUER International FZE, filiale medio orientale di BAUER Spezialtiefbau GmbH, si è aggiudicata il contratto per costruire un totale di 112.000 m² di diaframmi con palizzata incorporata su una lunghezza di 4,2 km adiacenti ad una diga principale perimetrale, allo scopo di limitare l’infiltrazione attraverso la suddetta diga e trattenere la “salamoia” nel relativo stagno solare. L’ampia parete di separazione da 600 mm verrà installata a profondità comprese tra 18 e 30 m. Il committente è Arab Potash Company, Giordania e la società di progettazione è la Royal Haskoning DHV, Paesi Bassi.

Il sottosuolo rappresenta in questo caso una sfida speciale: “A causa della posizione unica proprio sul Mar Morto, il suolo è per lo più costituito da sale e l’acqua freatica è completamente satura di sali “, afferma Hassan Farhat, project manager di BAUER International FZE. La squadra sta usando due frese Bauer, una BC 40 e una BC 30, oltre a una benna. Inoltre, un totale di 790.000 m³ di terreno deve essere spostato per allargare la diga. Il progetto dovrebbe richiedere 20 mesi di lavorazione e dovrebbe essere completato nell’agosto 2020.

Related posts