lunedì, Gennaio 30, 2023

Bauer Spezialtiefbau, tecnologia dei diaframmi avanzata per la metro indiana di Chennai

Must read

Hydrogen Expo a Piacenza, si avvicina l’appuntamento con l’energia del futuro

Idrogeno sempre più al centro delle politiche energetiche italiane. Il Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza (Pnrr) sbloccherà infatti investimenti complessivi per oltre due...

A Chamonix si discute il futuro delle macchine da cantiere

Dopo due anni di eventi virtuali, si apre domani al Centro Congressi “Le Majestic” di Chamonix (Francia), il Congresso annuale del CECE. Un panel composto da...

Dal nuovo Codice degli Appalti, digitalizzazione, procedure snelle e garanzie di rapidità

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nel dicembre scorso, in esame preliminare, un decreto legislativo di riforma del Codice dei contratti pubblici, in attuazione...

Lilia, la nuova TBM Herrenknecht per il Lotto H41 del Brennero

La talpa “Lilia” è pronta per avviare lo scavo meccanizzato in una delle tratte più lunghe delle gallerie principali della Galleria di Base del Brennero su territorio austriaco,...

Una metropoli pulsante con milioni di abitanti, città portuale e capitale dello stato indiano del Tamil Nadu. Questa è Chennai, una delle molte grandi città in India che negli ultimi anni ha registrato una rapida crescita, con la conseguente, elevata e urgente necessità di infrastrutture. Una soluzione per far fronte all’elevato volume di traffico in una città densamente edificata è stata quella di spostare il traffico stesso nel sottosuolo. La metropolitana di Chennai, aperta nel 2015 con due linee – per una lunghezza totale di circa 46 km – ora deve essere ampliata. La Fase 2 dell’estensione di rete include la stazione di Chetpet, un grande progetto iniziato nell’aprile di quest’anno. Come parte di questo progetto, Bauer Engineering India Pvt. Ltd., affiliata di Bauer Spezialtiefbau GmbH, è stata incaricata dell’esecuzione dei diaframmi necessari.

In totale, Bauer realizzerà più di 15.100 m2 di diaframmi, fino a una profondità di 35 m. Nella loro realizzazione, la lavorazione si articola in tre fasi: scavo della trincea (utilizzando la bentonite come boiacca stabilizzante), posa in opera delle gabbie di armatura in acciaio e, per finire, opera di getto. “Le gabbie di rinforzo in acciaio sono lunghe circa 33 m ciascuna e pesano 35 t – spiega Hassan Farhat, Project Manager di Bauer India – In totale, 286 m³ di calcestruzzo vengono riempiti per ogni pannello di diaframma in sole sei ore, con 30 pannelli secondari già prodotti entro l’inizio di novembre”.

La particolarità di questo progetto consiste nel fatto che non è ammessa alcuna tolleranza per lo scavo della trincea. E non è l’unica sfida, dal momento che l’area di cantiere si trova in una zona con precipitazioni significative nella stagione dei monsoni, proprio nel periodo compreso dalla costruzione. Anche la composizione del terreno (con presenza di sabbia, limo, argilla dura e roccia) è molto impegnativa per l’operatore. “Un’altra sfida è la logistica. Poiché la nuova stazione della metropolitana si trova direttamente nell’area urbana, i lavori devono essere realizzati in uno spazio molto ristretto e questo richiede estrema cautela e un’ottima organizzazione”, aggiunge Hassan Farhat.


Per i lavori vengono utilizzate attualmente una gru da fondazione multifunzionale Bauer MC 96 con benna idraulica DHG-C e un’altra gru MC 128 con fresa BC 40. Oltre a queste, vanno annoverati nella dotazione anche strumenti digitali come il software di gestione dati Bauer b-project e il Virtual Site Installer. “Attualmente stiamo correndo e siamo assolutamente nei tempi, con nostra grande soddisfazione – considera Hassan Farhat – Se tutto continua ad andare come previsto, prevediamo di completare con successo il progetto entro la fine dell’anno e quindi alcune settimane prima della data prevista per la fine di gennaio”.

More articles

Latest article

Hydrogen Expo a Piacenza, si avvicina l’appuntamento con l’energia del futuro

Idrogeno sempre più al centro delle politiche energetiche italiane. Il Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza (Pnrr) sbloccherà infatti investimenti complessivi per oltre due...

A Chamonix si discute il futuro delle macchine da cantiere

Dopo due anni di eventi virtuali, si apre domani al Centro Congressi “Le Majestic” di Chamonix (Francia), il Congresso annuale del CECE. Un panel composto da...

Dal nuovo Codice degli Appalti, digitalizzazione, procedure snelle e garanzie di rapidità

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nel dicembre scorso, in esame preliminare, un decreto legislativo di riforma del Codice dei contratti pubblici, in attuazione...

Lilia, la nuova TBM Herrenknecht per il Lotto H41 del Brennero

La talpa “Lilia” è pronta per avviare lo scavo meccanizzato in una delle tratte più lunghe delle gallerie principali della Galleria di Base del Brennero su territorio austriaco,...

MR-P400 di Marini Quarries Group, compatta e concettuale per cantieri complessi

Presentata al Bauma 2022 per consolidare la presenza di Marini Quarries Group nel mercato delle palificazioni, la nuova MR-P400 si adatta perfettamente a cantieri...