lunedì, Gennaio 30, 2023

Geosec, complessità di consolidamento per il Palazzo delle Scienze e il Museo Egizio di Torino

Must read

Hydrogen Expo a Piacenza, si avvicina l’appuntamento con l’energia del futuro

Idrogeno sempre più al centro delle politiche energetiche italiane. Il Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza (Pnrr) sbloccherà infatti investimenti complessivi per oltre due...

A Chamonix si discute il futuro delle macchine da cantiere

Dopo due anni di eventi virtuali, si apre domani al Centro Congressi “Le Majestic” di Chamonix (Francia), il Congresso annuale del CECE. Un panel composto da...

Dal nuovo Codice degli Appalti, digitalizzazione, procedure snelle e garanzie di rapidità

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nel dicembre scorso, in esame preliminare, un decreto legislativo di riforma del Codice dei contratti pubblici, in attuazione...

Lilia, la nuova TBM Herrenknecht per il Lotto H41 del Brennero

La talpa “Lilia” è pronta per avviare lo scavo meccanizzato in una delle tratte più lunghe delle gallerie principali della Galleria di Base del Brennero su territorio austriaco,...

Tra i numerosi prestigiosi interventi di consolidamento delle fondazioni eseguiti da Geosec rientra indubbiamente il Palazzo monumentale sede dell’Accademia delle Scienze e del Museo Egizio di Torino. Geosec è intervenuta in raggruppamento temporaneo con C.S.G. Costruzioni per un progetto multidisciplinare articolato e complesso, sotto il coordinamento generale della dottoressa Chiara Ravelli, della Direzione lavori affidata all’architetto Mino Turvani e dell’ingegner Fabio Maglione dello studio ICIS Torino, eseguendo in particolare un intervento estremamente specialistico nel suo genere, rivolto al consolidamento delle fondazioni mediante iniezioni mirate e controllate di speciali resine, non certo per ovviare a precedenti carenze di stabilità della costruzione ma bensì con carattere preventivo e cautelativo in conseguenza di nuove esigenze di ampliamento e utilizzo dei locali interrati da destinarsi a sale nuove espositive.

In particolare per il consolidamento dei terreni di fondazione, Geosec applica in esclusiva una metodologia proprietaria, dunque unica e brevettata, che prevede iniezioni mirate di una speciale resina espandente in grado di consolidare efficacemente e in totale sicurezza i terreni di fondazione. Questo innovativo metodo innovativo di iniezione si contraddistingue nel mercato per precisione, rapidità e mini invasività grazie ad un costante controllo strumentale del terreno mediante Tomografia di Resistività Elettrica – ERT 4D, eseguito prima, durante e al termine delle iniezioni. Infatti è proprio grazie a questi complessi sistemi diagnostici geofisici che le iniezioni vengono dapprima progettate in modo del tutto mirato, a seguire sono costantemente controllate per la necessaria verifica degli effetti ottenuti in corso d’opera così da poter vantaggiosamente correggere al bisogno l’azione in modo davvero mirato e preciso fino all’ottenimento del risultato finale perseguito.

Questa di Geosec è una tecnologia per il consolidamento delle fondazioni davvero unica nel suo genere, che consente di eseguire interventi in ogni condizione operativa senza l’utilizzo di macchinari ingombranti, senza produzione di scavi, polveri e vibrazioni. Un camion officina, allestito con impianto di iniezione a bordo, viene lasciato esternamente al fabbricato, laddove un lungo condotto di iniezione viene successivamente steso fino alla zona di intervento. Generalmente dal piano più basso vengono realizzati piccoli fori attraverso la fondazione mediante trapani manuali. Sono successivamente introdotte in questi fori delle cannule per la successiva iniezione di resina.

Fuori e dentro al fabbricato sono invece disposti tutti i sensori del sistema diagnostico geofisico così da poter tenere sotto controllo il terreno interessato dai carichi dell’edificio e dall’azione delle resine iniettate. Ingegneri e geologi Geosec dirigono le varie operazioni coordinando una squadra di tecnici opportunamente addestrati. L’intervento di consolidamento delle fondazioni in condizioni normali risulta davvero poco invasivo e rapido. Le iniezioni vengono eseguite una dopo l’altra e validate sia mediante tomografia ERT 4D che prove geotecniche penetrometriche dedicate laddove nel caso specifico hanno consentito di rilevare un incremento dei valori di pressione ammissibile post trattamento (range medio tra +40% e il +250%) proprio all’interno del volume di terreno trattato.

More articles

Latest article

Hydrogen Expo a Piacenza, si avvicina l’appuntamento con l’energia del futuro

Idrogeno sempre più al centro delle politiche energetiche italiane. Il Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza (Pnrr) sbloccherà infatti investimenti complessivi per oltre due...

A Chamonix si discute il futuro delle macchine da cantiere

Dopo due anni di eventi virtuali, si apre domani al Centro Congressi “Le Majestic” di Chamonix (Francia), il Congresso annuale del CECE. Un panel composto da...

Dal nuovo Codice degli Appalti, digitalizzazione, procedure snelle e garanzie di rapidità

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nel dicembre scorso, in esame preliminare, un decreto legislativo di riforma del Codice dei contratti pubblici, in attuazione...

Lilia, la nuova TBM Herrenknecht per il Lotto H41 del Brennero

La talpa “Lilia” è pronta per avviare lo scavo meccanizzato in una delle tratte più lunghe delle gallerie principali della Galleria di Base del Brennero su territorio austriaco,...

MR-P400 di Marini Quarries Group, compatta e concettuale per cantieri complessi

Presentata al Bauma 2022 per consolidare la presenza di Marini Quarries Group nel mercato delle palificazioni, la nuova MR-P400 si adatta perfettamente a cantieri...