lunedì, Dicembre 6, 2021

 

LE MACCHINE BAUER ALL’OPERA IN MONTENEGRO

Must read

Webuild completa 82% dello scavo del Lotto Mules 2-3 della Galleria di Base del Brennero

La fresa “Serena” ha raggiunto il Brennero , dopo aver scavato oltre 14km di galleria in 3,5 anni di attività. Si conclude così lo...

Primo test per la pala da miniera a batteria Sandvik da 18 t.

Lo stabilimento per la produzione di zinco di Garpenberg di proprietà della Boliden in Svezia diventerà la prima miniera in Europa a testare la...

Da Epiroc il nuovo sistema di perforazione ET51

Il sistema di perforazione con aste tubolari ET51 consente perforazioni più dritte e profonde, migliorando notevolmente la durata. La capacità del sistema di eseguire...

Idrogeno, energia per il futuro dell’industria italiana

Alberto Dossi, presidente dell’associazione H2IT, ci spiega l’importanza strategica di un elemento cardine della transizione ecologica nella vita di tutti i giorni e nell’industria del...

La baia di Kotor, in Montenegro, è patrimonio UNESCO, ma proprio all’ingresso della baia è in corso il cantiere che porterà alla costruzione di un resort di lusso della compagnia Azmont, che comprenderà un hotel extra-lusso a cinque stelle del gruppo “One&Only”, ville e appartamenti, club, negozi, ristoranti e bar.

Su un’area di approssimativamente 27 ettari che si estende per 1,7 km sulla costa sorgerà anche un complesso di cinque edifici che avrà una superficie coperta di circa 135.000 mq.

Essendo il terreno destinato ad ospitare la costruzione particolarmente disgregato e poco consistente, nonché decisamente a rischio frane e crolli causa terremoto, Azmont ha deciso di procedere a lavori di consolidamento dell’area prima delle fasi costruttive, affidandosi all’esperienza e alle macchine Bauer.

Per eseguire i lavori è stato scelto di usare il sistema Mixed-in-Place di Bauer, che prevede in questo specifico caso il posizionamento di elementi misti (pali e muri) su un’area di 123.000 mq, elementi che avranno lunghezze anche di 23 m e spessori di parete fino a 0,55 m che, installati nel sottosuolo, avranno la funzione di migliorare la resistenza e il modulo elastico del suolo, prevenendone la disgregazione in caso di terremoto.

La realizzazione dei diversi lavori è stata affidata a una perforatrice multifunzione Bauer BG 40 e a una perforatrice universale RTG, la RG 25, e saranno necessari otto mesi di lavoro per completare il consolidamento dell’area.

More articles

Latest article

Webuild completa 82% dello scavo del Lotto Mules 2-3 della Galleria di Base del Brennero

La fresa “Serena” ha raggiunto il Brennero , dopo aver scavato oltre 14km di galleria in 3,5 anni di attività. Si conclude così lo...

Primo test per la pala da miniera a batteria Sandvik da 18 t.

Lo stabilimento per la produzione di zinco di Garpenberg di proprietà della Boliden in Svezia diventerà la prima miniera in Europa a testare la...

Da Epiroc il nuovo sistema di perforazione ET51

Il sistema di perforazione con aste tubolari ET51 consente perforazioni più dritte e profonde, migliorando notevolmente la durata. La capacità del sistema di eseguire...

Idrogeno, energia per il futuro dell’industria italiana

Alberto Dossi, presidente dell’associazione H2IT, ci spiega l’importanza strategica di un elemento cardine della transizione ecologica nella vita di tutti i giorni e nell’industria del...

Truck of the Year 2022, il trionfo di DAF

La nuova generazione di veicoli industriali DAF per il trasporto su lungo raggio è stata insignita del titolo “International Truck of the Year 2022“. “I modelli XF,...