lunedì, Dicembre 6, 2021

 

Perforazioni contro l’inquinamento ad Aviano

Must read

Webuild completa 82% dello scavo del Lotto Mules 2-3 della Galleria di Base del Brennero

La fresa “Serena” ha raggiunto il Brennero , dopo aver scavato oltre 14km di galleria in 3,5 anni di attività. Si conclude così lo...

Primo test per la pala da miniera a batteria Sandvik da 18 t.

Lo stabilimento per la produzione di zinco di Garpenberg di proprietà della Boliden in Svezia diventerà la prima miniera in Europa a testare la...

Da Epiroc il nuovo sistema di perforazione ET51

Il sistema di perforazione con aste tubolari ET51 consente perforazioni più dritte e profonde, migliorando notevolmente la durata. La capacità del sistema di eseguire...

Idrogeno, energia per il futuro dell’industria italiana

Alberto Dossi, presidente dell’associazione H2IT, ci spiega l’importanza strategica di un elemento cardine della transizione ecologica nella vita di tutti i giorni e nell’industria del...

La data di inizio lavori riporta al 9 dicembre 2020, ma per sapere quando si potrà mettere la parola fine all’inquinamento da percloroetilene all’ex Infa di Aviano occorrerà ancora pazienza. Attualmente una perforatrice sta prelevando in profondità terreno inquinato per costruire una barriera in grado di impedire al percloroetilene di espandersi ulteriormente.

Tutto il perimetro della grande fabbrica è circondato da una trincea riempita con materiale adatto contenere e circoscrivere al sito industriale l’inquinamento. Le ultime perforazioni hanno incontrato dei rallentamenti per la natura del terreno. Già nel 1987 “nell’acquifero freatico che alimenta l’acquedotto del comune di Fontanafredda (posto a valle dello stabilimento) – sostiene la Regione – viene rilevata la presenza di solventi organici clorurati in concentrazione superiore ai limiti previsti dalla normativa. L’indagine condotta per valutare l’estensione dell’area interessata dal fenomeno ha individuato nel comune di Aviano l’origine dell’inquinamento. Nella specie, il percloroetilene era stato largamente usato all’interno del ciclo industriale dell’Infa (ora in liquidazione) per sgrassare le superfici dei lamierati prima delle successive lavorazioni”. La Regione ha definito l’ex Infa come il secondo sito più inquinato del Friuli Venezia Giulia.

More articles

Latest article

Webuild completa 82% dello scavo del Lotto Mules 2-3 della Galleria di Base del Brennero

La fresa “Serena” ha raggiunto il Brennero , dopo aver scavato oltre 14km di galleria in 3,5 anni di attività. Si conclude così lo...

Primo test per la pala da miniera a batteria Sandvik da 18 t.

Lo stabilimento per la produzione di zinco di Garpenberg di proprietà della Boliden in Svezia diventerà la prima miniera in Europa a testare la...

Da Epiroc il nuovo sistema di perforazione ET51

Il sistema di perforazione con aste tubolari ET51 consente perforazioni più dritte e profonde, migliorando notevolmente la durata. La capacità del sistema di eseguire...

Idrogeno, energia per il futuro dell’industria italiana

Alberto Dossi, presidente dell’associazione H2IT, ci spiega l’importanza strategica di un elemento cardine della transizione ecologica nella vita di tutti i giorni e nell’industria del...

Truck of the Year 2022, il trionfo di DAF

La nuova generazione di veicoli industriali DAF per il trasporto su lungo raggio è stata insignita del titolo “International Truck of the Year 2022“. “I modelli XF,...