lunedì, Settembre 20, 2021

2021

Hansa-TMP, oleodinamica per una perforazione vincente

Must read

Geofluid, un grande successo che ritorna

Duecentocinquanta aziende espositrici con più di trecentocinquanta marchi presenti, quasi novemilacinquecento visitatori professionali - 9.425 per l’esattezza quelli certificati - con una presenza straniera...

Al via a Piacenza Expo il Geofluid della ripresa

Piacenza Expo apre le porte da oggi, mercoledì 15 settembre, fino a venerdì, alla 23esima edizione di Geofluid, alla presenza del presidente della Regione...

La sorpresa di Soilmec, a Geofluid 2021 arriva la perforatrice SM-6

Un mix perfetto tra design e prestazioni dall'aspetto ultracompatto. La perforatrice SM-6 di Soilmec plana alla kermesse espositiva di Geofluid 2021 portando tutto...

Vetroresina e tubi biodegradabili, l’alta sostenibilità di Sireg nel consolidamento

Se parliamo di Sireg Geotech, è doveroso conoscere un bel pezzo di storia delle costruzioni in Italia. È dal 1936, infatti, che questa realtà...

Per ogni perforatrice è fondamentale mantenere alte le prestazioni e la durabilità del sistema, diventando così essenziale lo studio di un circuito idraulico su misura che garantisca elevate prestazioni a lungo termine, in grado di supportare gli sforzi e le elevate pressioni di lavoro richieste.
Hansa-TMP è integratore di sistemi oleodinamici ed elettronici per applicazioni mobili e si propone come unico punto di riferimento per il cliente per quanto riguarda le tecnologie dei fluidi. L’applicazione studiata ed equipaggiata da Hansa-TMP, nel caso in esame, riguarda una perforatrice che esegue un lavoro di trivellazione per ricerche idriche a circolazione diretta di fluidi con pompa per il fango. La macchina viene montata su carro cingolato e, in questo modo, può raggiungere tranquillamente i 300 m di profondità mentre, grazie al sistema automatico di caricamento aste, l’operatore può lavorare in totale sicurezza. Il sistema oleodinamico studiato da Hansa-TMP prevede la pompa a pistoni con cilindrata variabile per circuito aperto K3VL Kawasaki, motore a 11 pistoni con cilindrata variabile M7V Kawasaki e attuatore rotante HKS.
La pompa a pistoni a circuito aperto K3VL è tipicamente indicata per applicazioni su perforatrici per l’attuazione della traslazione e del motore della trivella, il motore serie M7V (cilindrata variabile) è altamente consigliato per l’applicazione sulla testa della trivella e, infine, l’attuatore HKS viene utilizzato per la movimentazione di aste di trivellazione.

Maggiore controllabilità con la pompa K3VL Kawasaki Hydraulics
Con range di cilindrate da 20 a 200 cm3 e pressione pari a 320 bar, le K3VL sono pompe a pistoni assiali a cilindrata variabile caratterizzate da un meccanismo unico in grado di ridurre le pulsazioni di pressione. Utilizzando questa pompa è possibile ottenere un controllo migliore e un risparmio di carburante. Il sistema a circuito aperto è altamente efficiente per la trivella, in grado di realizzare controllo di prestazioni in varie condizioni di lavoro come operazioni di livellamento precise o potenti operazioni di scavo, garantendo all’intero sistema prestazioni ottimali.

Incremento di efficienza con il motore M7V Kawasaki Hydraulics
Con cilindrata da 85 a 160 cm3 e velocità di 4500-2900 rpm, la serie M7V è rappresentata da motori a pistoni a cilindrata variabile, caratterizzati da piatto oscillante, utilizzabili in condizioni di alta pressione e di alta velocità. Unico motore variabile con 11 pistoni, garantisce coppia di spunto in partenza e controllabilità superiori agli standard di mercato. I motori possono essere applicati con riduttori o giunti generici, poiché le dimensioni di installazione (dimensioni di montaggio, scanalatura di uscita) e le dimensioni della filettatura seguono standard internazionali come ISO o SAE. La sua compattezza contribuisce ad una migliore installazione e la caratteristica di avviamento regolare determina un funzionamento stabile a velocità molto bassa.

Attuatori rotanti compatti per rotazione e inclinazione
Gli attuatori rotanti sono unità compatte che generano coppie molto elevate all’interno di uno spazio limitato caratterizzato da pressione idraulica o pneumatica, garantita dai modelli M-DA-H-F5 e M-DA-H-F10 del fornitore HKS, i quali differiscono soltanto per tipologia di montaggio (flangia o con supporto). È possibile utilizzare una flangia su cui è montato il modello M-DA-H-F10 per ruotare la trivella a 360° o montare con supporto M-DA-H-F5 per inclinazioni di tilt di 180°. Inoltre, una combinazione di entrambi i componenti diventa utile sia per ruotare che per inclinare le aste.
L’attuatore HKS è un dispositivo idraulico che converte la pressione idraulica in movimento rotatorio alternativo fino ad un angolo di 280°, che non richiede collegamenti costosi o ingombranti. I prodotti HKS sono indicati nelle condizioni in cui sono richieste rotazione e inclinazione, accelerazione, frenata, posizionamento e arresto di precisione. Questi attuatori soddisfano criteri e standard di qualità rigorosi e si integrano perfettamente in processi altamente complessi. Pertanto, gli azionamenti rotanti offrono potenza e affidabilità.
Attraverso l’integrazione di attuatori rotanti HKS e componenti Kawasaki Hydraulics, HANSA-TMP diventa un fornitore di sistema completo a 360°, in grado di determinare la soluzione più giusta per le sfide del mercato in crescita, che richiedono continuità in termini di qualità e precisione.

Oltre all’attività di progettazione, produzione e distribuzione di prodotti oleodinamici, come pompe, motori, valvole, freni idraulici, Hansa-TMP è integratore di sistema in grado di costruire, sulla base delle richieste del cliente, un intero circuito oleodinamico. La società modenese è distributrice esclusiva per l’Italia dell’intera gamma Kawasaki Hydraulics e Official Partner del brand tedesco HKS, produttore di attuatori idraulici rotanti. Con una sede produttiva insediata nel quartier generale di Modena e due sedi commerciali a Milano e a Shanghai, Hansa-TMP è in grado di seguire il cliente step-by-step, dalla scelta dei componenti, al dimensionamento del circuito idraulico fino allo start-up della macchina.

More articles

Latest article

Geofluid, un grande successo che ritorna

Duecentocinquanta aziende espositrici con più di trecentocinquanta marchi presenti, quasi novemilacinquecento visitatori professionali - 9.425 per l’esattezza quelli certificati - con una presenza straniera...

Al via a Piacenza Expo il Geofluid della ripresa

Piacenza Expo apre le porte da oggi, mercoledì 15 settembre, fino a venerdì, alla 23esima edizione di Geofluid, alla presenza del presidente della Regione...

La sorpresa di Soilmec, a Geofluid 2021 arriva la perforatrice SM-6

Un mix perfetto tra design e prestazioni dall'aspetto ultracompatto. La perforatrice SM-6 di Soilmec plana alla kermesse espositiva di Geofluid 2021 portando tutto...

Vetroresina e tubi biodegradabili, l’alta sostenibilità di Sireg nel consolidamento

Se parliamo di Sireg Geotech, è doveroso conoscere un bel pezzo di storia delle costruzioni in Italia. È dal 1936, infatti, che questa realtà...

Dolmen, geotecnica in software avanzato

Realtà tecnologiche di grande valore ne esistono tante nel nostro paese, ma un’eccellenza come quella di CDM Dolmen non può non attirare l’attenzione degli...