lunedì, Dicembre 6, 2021

 

Mareterra, la grande scommessa (vinta) di Fondamenta nel Principato di Monaco

Must read

Webuild completa 82% dello scavo del Lotto Mules 2-3 della Galleria di Base del Brennero

La fresa “Serena” ha raggiunto il Brennero , dopo aver scavato oltre 14km di galleria in 3,5 anni di attività. Si conclude così lo...

Primo test per la pala da miniera a batteria Sandvik da 18 t.

Lo stabilimento per la produzione di zinco di Garpenberg di proprietà della Boliden in Svezia diventerà la prima miniera in Europa a testare la...

Da Epiroc il nuovo sistema di perforazione ET51

Il sistema di perforazione con aste tubolari ET51 consente perforazioni più dritte e profonde, migliorando notevolmente la durata. La capacità del sistema di eseguire...

Idrogeno, energia per il futuro dell’industria italiana

Alberto Dossi, presidente dell’associazione H2IT, ci spiega l’importanza strategica di un elemento cardine della transizione ecologica nella vita di tutti i giorni e nell’industria del...

Per l’ultimo getto di fondazione, la sinergia delle squadre al lavoro di Fondamenta e Sogefon ha prodotto tutta l’emozione di un evento che rimarrà negli annali delle grandi opere residenziali d’Europa. Stiamo parlando del momento finale – arrivato al suo compimento supremo lo scorso 14 ottobre – della “concrete base” su cui si insedierà lo straordinario complesso di Mareterra, il progetto firmato da Renzo Piano, Denis Valode e Michel Desvigne che disegna una nuova isola galleggiante nel Principato di Monaco, ricavata in un braccio di mare che conterrà spazi residenziali, culturali e ricreativi – a celebrazione dello spirito del Mediterraneo e, naturalmente, dell’eccellenza riferita alle più avanzate tecnologie di costruzione.

L’impressionante sforzo realizzativo è testimoniato dalla stessa estensione in mare del quartiere Mareterra, un’opera straordinaria . in capo alla SAM L’Anse du Portier, un consorzio monegasco di imprese composto da Bouygues Travaux Publics, J.-B. Pastor & Fils ed En.ge.co. – per la quale Fondamenta e Sogefon hanno realizzato la vasta piattaforma di fondazione che sostiene l’intero complesso residenziale. “Si è trattato di un impegno straordinario, per dimensioni e difficoltà tecniche – rileva l’ingegner Paolo Muneretto, socio e consigliere di amministrazione di Fondamenta – Questa piattaforma di fondazione ha richiesto la realizzazione di 1.100 pali rivestiti trivellati. Una lavorazione che ha compreso diametri fino a 1.800 mm, a una profondità di 65 m”. I 1.100 pali trivellati hanno coperto circa 39.000 metri lineari (per 25.000 metri di pali con rivestimento definitivo e 14.000 con rivestimento temporaneo), con una produzione media di 20 pali alla settimana.

Nel prossimo numero di Perforare, potrete leggere in esclusiva ogni dettaglio dell’avventura Mareterra, raccontata direttamente dai protagonisti di Fondamenta e Sogefon.

More articles

Latest article

Webuild completa 82% dello scavo del Lotto Mules 2-3 della Galleria di Base del Brennero

La fresa “Serena” ha raggiunto il Brennero , dopo aver scavato oltre 14km di galleria in 3,5 anni di attività. Si conclude così lo...

Primo test per la pala da miniera a batteria Sandvik da 18 t.

Lo stabilimento per la produzione di zinco di Garpenberg di proprietà della Boliden in Svezia diventerà la prima miniera in Europa a testare la...

Da Epiroc il nuovo sistema di perforazione ET51

Il sistema di perforazione con aste tubolari ET51 consente perforazioni più dritte e profonde, migliorando notevolmente la durata. La capacità del sistema di eseguire...

Idrogeno, energia per il futuro dell’industria italiana

Alberto Dossi, presidente dell’associazione H2IT, ci spiega l’importanza strategica di un elemento cardine della transizione ecologica nella vita di tutti i giorni e nell’industria del...

Truck of the Year 2022, il trionfo di DAF

La nuova generazione di veicoli industriali DAF per il trasporto su lungo raggio è stata insignita del titolo “International Truck of the Year 2022“. “I modelli XF,...