giovedì, Agosto 11, 2022

Primo test per la pala da miniera a batteria Sandvik da 18 t.

Must read

A Trevi il DFI Award per le opere della diga di Mosul

Negli ultimi due decenni, il DFI - Deep Foundations Institute, tra le più rilevanti associazioni internazionali nel campo della progettazione e costruzione di fondazioni e...

Geofondazioni, “genio tecnologico” del palo prefabbricato

A Palesella di Cerea (Vr) è in corso un importante intervento di palificazione per le opere di fondazione di un nuovo magazzino automatizzato, destinato...

Soilmec e l’idrofresa IOT per la metropolitana indiana a Chennai

Soilmec si è aggiudicata con successo l'appalto per la fornitura della sua ultima versione dell'idrofresa SC-130 HD Cougar Classic, in ingresso nella flotta dell'aggregazione...

Bauer Spezialtiefbau, opera direzionale in grande stile

Nel centro di Monaco, nella parte adiacente alla Stazione Centrale, è attualmente in costruzione un nuovo centro commerciale e direzionale, a fronte della demolizione...

Lo stabilimento per la produzione di zinco di Garpenberg di proprietà della Boliden in Svezia diventerà la prima miniera in Europa a testare la pala a basso profilo per miniere Sandvik LH518B. Sandvik Mining e Rock Solutions e Boliden hanno concordato un periodo di prova collaborativo di 12 mesi per i test sul nuovo caricatore elettrico a batteria da 18 tonnellate.

Considerata una delle operazioni minerarie più moderne, Garpenberg è la miniera di zinco sotterranea più produttiva del mondo e la più antica area mineraria della Svezia ancora in funzione. Essendo un caricatore puramente alimentato a batteria, il Sandvik LH518B supporterà gli sforzi di Boliden per migliorare la sostenibilità riducendo le emissioni di gas serra nel sottosuolo.

La pala Sandvik LH518B è facile da implementare nella maggior parte delle operazioni sotterranee, in quanto non richiede grandi modifiche alle infrastrutture minerarie. Le funzioni Sandvik AutoSwap e AutoConnect del caricatore facilitano l’installazione senza soluzione di continuità di una nuova batteria in meno di sei minuti, consentendogli di tornare in funzione molto prima rispetto ai BEV (Battery Electric Vehicle) utilizzati in minera a “ricarica rapida”. Il cambio batteria viene effettuato dal caricatore stesso, comandato dall’operatore in cabina, senza bisogno di carriponti o muletti.

Come BEV di terza generazione, la Sandvik LH518B è stata progettata da zero interamente attorno al suo sistema di batterie e alla trasmissione elettrica per sfruttare appieno le possibilità del sistema di alimentazione.

I test alla miniera di Garpenberg dovrebbe iniziare alla fine del 2022.

More articles

Latest article

A Trevi il DFI Award per le opere della diga di Mosul

Negli ultimi due decenni, il DFI - Deep Foundations Institute, tra le più rilevanti associazioni internazionali nel campo della progettazione e costruzione di fondazioni e...

Geofondazioni, “genio tecnologico” del palo prefabbricato

A Palesella di Cerea (Vr) è in corso un importante intervento di palificazione per le opere di fondazione di un nuovo magazzino automatizzato, destinato...

Soilmec e l’idrofresa IOT per la metropolitana indiana a Chennai

Soilmec si è aggiudicata con successo l'appalto per la fornitura della sua ultima versione dell'idrofresa SC-130 HD Cougar Classic, in ingresso nella flotta dell'aggregazione...

Bauer Spezialtiefbau, opera direzionale in grande stile

Nel centro di Monaco, nella parte adiacente alla Stazione Centrale, è attualmente in costruzione un nuovo centro commerciale e direzionale, a fronte della demolizione...

Geosec, complessità di consolidamento per il Palazzo delle Scienze e il Museo Egizio di Torino

Tra i numerosi prestigiosi interventi di consolidamento delle fondazioni eseguiti da Geosec rientra indubbiamente il Palazzo monumentale sede dell’Accademia delle Scienze e del Museo...